Una mattina con la partigiana Gabriella Zocca

Si è tenuto ieri, presso la biblioteca Minguzzi di Bologna, l’atto conclusivo del “Manuale per attivisti antidiscriminazione, un percorso di tre appuntamenti organizzato dal CESD con la rete antidiscriminazione che, dopo la visita al memoriale dell’eccidio di Montesole, ha portato i ragazzi dell’istituto IPSAS Aldrovandi-Rubbiani  a incontrare la partigiana Gabriella Zocca, per un viaggio nella storia.

“Perché una persona di 92 anni continua ad andare in giro a raccontare il passato? Nel tempo, noi partigiani ci siamo resi conto che i fascisti tornavano a galla, disfacendo tutto quello avevamo fatto noi”: è iniziato da qui il racconto della signora Zocca, dalle ragioni di un impegno lungo una vita. La memoria come strumento attivo, non mero ricordo, per conoscere e far conoscere, per far sì che certe cose non accadano ancora, mascherate in altre forme. Per molti dei ragazzi presenti, è stata la prima occasione di ascoltare e riflettere sulla drammatica esperienza del fascismo. Ma non è stato solo questo: dal divorzio all’aborto, la vita della “Bolognese”, così come la chiamavano durante la resistenza, è stata esempio di impegno, di lotta alle disuguaglianze e alle discriminazioni, in particolare quelle di genere. Le sue parole sono state lo spunto per riflettere più in generale sulla quotidianità di ognuno e su ciò che accade nel mondo oggi.

Non è stato, insomma, solo un tuffo nella memoria, ma anche una mattinata di confronto e discussione in cui, partendo dal racconto dell’esperienza partigiana, gli studenti hanno potuto ragionare sui problemi attuali, sul tema dell’esclusione. E si è parlato anche di bullismo, una dinamica con cui spesso i più giovani devono fare i conti, una forma di discriminazione, purtroppo diffusa, soprattutto a scuola.

L’incontro si è concluso con la presentazione delle attività che l’Anpi porta avanti nella scuole di Bologna.

Alcuni scatti della mattinata

 

Intanto vi diamo appuntamento alle prossime iniziative: sarà un aprile ricco di eventi!

Welcoming Bologna è anche su Facebook e Twitter